RegionEuropa di domenica 9 dicembre 2018

“Una storia italiana rivolta all’Europa in preda ai tecnoburocrati di Bruxelles” è il titolo del docufilm realizzato da Elisabetta Santon per Tv7 ,lo storico settimanale del Tg1, che RegionEuropa,il settimanale europeo della Tgr curato da Dario Carella ripropone domenica 9 dicembre dalle 11,30 a mezzogiorno su Rai 3 ed in diretta streaming sul web con Rai Play.

E’ la storia della famiglia Vitolo,calzolai a Milano,nel quartiere di Chinatown,dunque nella città più globalizzata d’Europa secondo le ultime rilevazioni e nel quartiere più globalizzato d’italia,abitato sin dal primo dopoguerra da una florida comunità cinese: i Vitoli,padre,madre e 3 figli,hanno riportato agli onori della nobiltà manifatturiera familiare il mestiere del calzolaio, che nel nostro paese era già fiorente nel primo Rinascimento,nella Firenze dei Medici come nella Milano degli Sforza e dei Visconti,un esempio el local di oggi che attraverso il Made in Italy,fatto di manifattura eccellente e attenta ai particolari del gusto di una clientela anche internazionale sa affermarsi come modello vincente in una Europa troppo spesso preda esclusivamente di percentuali di bilancio e finanza da paradisi fiscali.

Il reportage di Antonio Silvestri,a seguire, racconta quindi Il tema di cosa fa l’Europa per i disabili e cosa ancora può fare è stato analizzato nel corso di un’iniziativa promossa dall’Ufficio del Parlamento europeo in Italia in occasione della Giornata internazionale della disabilità.

Non solo testimonianze di tante associazioni e Enti che lavorano per permettere il pieno godimento dei diritti, della dignità e della libertà delle persone con disabilità, ma anche un laboratorio d’arte con una scultura collettiva promossa dal maestro Felice Tagliaferri, non vedente che a Regioneuropa ha spiegato come la creatività può aiutare la piena espressione delle persone mentre è stato ribadito quanto l’Unione europea ha già fatto sul piano normativo, da ultimo le nuove norme per i passeggeri ferroviari e quanto ci si aspetta con la legge quadro in materia all’esame del Parlamento.

Da Bruxelles la cronaca di Dario Carella dell’assemblea del Comitato delle regioni Europee che ribadiscono definitivamente il loro no al taglio dei finanziamenti per i fondi regionali della coesione sociale e strutturali,indispensabili alla sviluppo dei territori,che non possono essere,è stato ribadito ancora una volta, gli unici a pagare,con gli agricoltori,il deficit del prossimo bilancio europeo a causa della Brexi: RegionEuropa ne ha parlato con il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e con la Presidente della regione Umbria Catiuscia Marini.

Da Milano Donatella Negri ha intervistato il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani,che nel capoluogo lombardo ha ribadito che l?UE spenderà sempre più risorse per la ricerca medico scientifica e tecnologica.

Focus glocal anche sull’agricoltura: la Cia, Confederazione italiana agricoltori, ha elaborato un Piano per combattere i danni derivati dal cambiamento climatico e dal dissesto idrogeologico. Per il Presidente dell’Organizzazione agricola, Scanavino, è fondamentale fare prevenzione facendo leva su più punti a partire dal mettere in rete sul territorio tutti i settori, dall’agricoltura al turismo curando maggiormente l’economia locale e diminuendo drasticamente il consumo di suolo. Anche per il ministro delle Politiche agricole, Centinaio, la prevenzione è fondamentale per assicurare sviluppo al settore agroalimentare.

In conclusione di RegionEuropa  l’appuntamento con la rubrica “UE IMPRESE E TERRITORI” di Antonio Silvestri:nello spazio con le segnalazioni della rete Enterprise Europe Network tre incontri per le micro, piccole e medie imprese su banda ultra larga per l’industria 4.0 a Teramo, sull’innovazione a Pisa e su collaborazioni commerciali e nella ricerca nella macroregione Alpina