RegionEuropa di domenica 15 maggio 2016

L’esodo degli studenti universitari del Mezzogiorno verso il Nord e l’estero comporta sia una perdita di capitale umano sia di un investimento che la società e le famiglie hanno fatto e di cui beneficiano altri territori. Lo afferma uno studio presentato dalla Confcooperative, la maggiore organizzazione di questo tipo di imprese in Italia che ha celebrato la sua assemblea generale rieleggendo al vertice Maurizio Gardini.

Alla motivazioni e alle conseguenze di questa “Fuga a Nord” è dedicat o il servizio di apertura ,firmato da Antono Silvestri, di “RegionEuropa”,il settimnale europeo della Tgr a cura di Dario Carella, in onda domenica 15 maggio dalle 11,30 a mezzogiorno su Rai Tre e in live streaming sul web ai siti www.rainews.it/TGR e www.regioneuropa.rai.it .

Il presidente di Confcooperative Gradini ,nell’ intervista a RegionEuropa, dopo aver sottolineato quali perdite comporti il trasferimento degli studenti dal Sud, evidenzia come sia necessario per le imprese cogliere al meglio l’opportunità offerta dai Fondi europei, troppo spesso mal utilizzati, in particolare nel settore della Ricerca e Sviluppo.

Local  anche da bruxelles nel racconto dell’assemblea plenaria del Comitato delle Regioni europee ,a cui hanno partecipato circa 500 enti  territoriali dell’UE, che hanno approvato la nuova 2Agenda Urbana”, il programma finanziato dalla Commissione Esecutiva a favore dello sviluppo non solo delle metrpoli ma anche dei territori cosiddetti svantaggiati,come le aree di montagna: l’italia trare da questo programma un consistente beneficio, come spiegano il Presidente della Valle d’Aosta Augusto Rolandin e Pierluigi Boda del Comitato delle Regioni.

Dall’agroalimentare arriva quindi una ulteriore buona sorpresa per le imprese italiane che ,a livello europeo, si stanno rilevando le più sostenibili: fattore che si sta rivelando fondamentale quale antidoto alla crisi : scommettere sul “green” ,infatti,va di pari passo con la garanzia di qualità.

Nel servizio diAntonio Silvestri due esempi, dall’impresa singola, un’azienda delle Marche che produce ortaggi, ad un sistema di imprese , quella dei produttori di Carni suine. L’imprenditore  Marziano  Ambruosi racconta infatti come nel corso degli anni sono stati adottati accorgimenti prima per abbassare la bolletta elettrica, poi per produrre energia direttamente. Aldo Radice, Condirettore di Assica, l’Associazione degli industriali dei salumi, spiega il progetto carni sostenibili e come l’obiettivo della sostenibilità supporti la qualità delle produzioni, e come l’Unione Europea sia un’opportunità se le regole sono davvero uguali per tutti.

Una tendenza confermata anche dall’assemblea delle camere di Commercio italiane in Europa,che si è svolta nella sede del Parlamento Europeo a Bruxelles: “glocal è bello” lo slogan che ha raccontato dei successi delle PMI italiane nel vincere le gare europee per finanziare ricerca ed innovazione, così come ,hanno rilevato Fabio Morvilli e

Matteo Lazzarini,presidente e segretrio generale della Camera di Commercio Belgo italiana e Gaetano Stella,presidente di Confprofessioni, un altro spazio di euro progettazione si apre ,grazie alla Legge di Stabilità, per i singoli professionisti che potreanno ora accedere ai fondi europei con le medesime modalità delle piccole e medie imprese.

Ancora da Bruxelles la cronaca  della presentazione della Carta dei diritti dei lavoratori ,avvenuta sempre al Parlamento Europeo,e a cui hanno preso parte,oltre alla segretria generale della Cgil Susanna Camusso, anche gli europarlamentari Panzeri,Pittella e Patrizia Toia,e un bilancio delle giornate europee dello sporti in Italia con il direttore dell’Ufficio del Parlamento Europeo Gianpaolo Meneghini.

Concluderà regionEuropa l’appuntamento con “OPPORTUNITÀ EUROPA”  con la collaborazione di Europe Direct Emilia il bando per le aree a euro mediterranee altamente vulnerabili sotto il profilo ambientale, la possibilità di diventare esperti in politiche commerciali per la Commissione e un Concorso per giovani imprenditori.