RegionEuropa di domenica 20 marzo 2016

“La lotta alle mafie e alla criminalità organizzata deve diventare una priorità per l’Europa e l’apprendimento culturale e scientifico ,nelle Università come accaduto all’Università statale di Milano, rappresentano un momento formativo di grande importanza”: così Nando Dalla Chiesa ,docente di sociologia della criminalità organizzata all’università Statale di Milano e Presidente onorario di “Libera” commenta a RegionEuropa,il settimanale europeo della Tgr a cura di Dario Carella, in onda domenica 20 marzo dalle 11,30 a mezzogiorno su Rai Tre ed in diretta live streaming ai siti www.rainews.it/TGR e www.regioneuropa.rai.it la mancanza di una legislazione antimafia unitaria europea. Dalla Chiesa racconta ,nell’ambito delle Giornata Nazionale della restituzione dei beni sequestrati alle mafie, l’esperienza della facoltà di sociologia della criminalità organizzata dell’Università Statale di Milano, primo corso di laurea di questo tipo e quella fatta all’Università di Berlino.

E ancora a RegionEuropa ,Antonio Silvestri spiega cosa sono le “agromafie”, il cui business criminale l’anno scorso ha superato i 16 miliardi e, nonostante i molti sequestri dei quali siamo a conoscenza, anche a causa della farraginosità  delle norme e della lentezza nei procedimenti, rimangono ben 26200 terreni in mano a condannati in via definitiva per reati tra i quali l’associazione a delinquere di stampo mafioso.

E’ quanto emerge dal Rapporto stilato da Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell’agroalimentare dal quale si ricava anche una mappatura molto completa della presenza di criminalità  organizzata nei territori, con una  classifica per provincia dell’indice di criminalità legato alla diffusione e all’intensità  del fenomeno. Dopo Ragusa che ha indice 100, vengono Reggio Calabria,  Napoli con 78,9 e Pescara con 71,4. Al dodicesimo posto Perugia.

Nel settimanale europeo della Testata Regional della Rai quindi la cronaca ed i risultati del vertice dei 28 capi di stato e di governo dell’UE svoltosi a Bruxelles e le immagini della manifestazione contro i muri e i fili spinati presenti in diversi paesi dell’Unione contro i migranti organizzata nella capitale dell’Europa dai socilisti europei il cui Capogruppo al Parlamento di Starsburgo Gianni Pittella afferma “nessuno spazio fra i socialisti ed i democratici per coloro che ergono muri invece di portare solidarietà e aiuto a chi scappa da guerre e carestie”.

Da Bruxelles Dario Carella fa quindi il punto sui continui problemi che si trova dinnanzi il sistema agroalimentare italiano e del sud Europa : dopo l’olio tunisino arriva il pomodoro marocchino ed Herbert Dorfman europarlamentare della SVP spiega come continua la battaglia in difesa dei vitigni identitari.

In conclusione il  consueto spazio dedicato alle opportunità offerte dall’Europa, selezionate da Europe Direct Emilia: un bando per sostenere attività di soggetti a rischio discriminazione, un’offerta di lavoro alla Fondazione per il miglioramento delle condizioni di vita e il concorso per gli studenti delle secondarie per il logo del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma.