RegionEuropa domenica 6 marzo 2016

Il Collegio Europeo di Firenze,eccellenza italiana in Europa,dalla nascita alle attività attuali è il racconto di Silvia Ferretti che apre la puntata di RegionEuropa,il settimanale europeo della Tgr a cura di Dario Carella, in onda domenica su Rai Tre dalle 11,30 a mezzogiorno ed in live streaming sul web ai siti  www.rainews.it/TGR e www.regioneuropa.rai.it.

L’Ufficio di rappresentanza in Italia del Parlamento Europeo, che ha accentuato il suo rapporto con i territori locali , ha siglato una collaborazione con il Collegio Europeo di Firenze in viat delle celebrazioni per la’aniversario dei Trattati di Roma,attraverso un accordo con il sottosegretario per le politiche europee Sandro Gozi, che vengono illustrate dal direttore della rappresentanza Gianpaolo Meneghini ospite in studio a Strasburgo.

E sempre nella prima pagina, RegionEuropa si occupa quindi del riconoscimento alla Cina dello status di economia di mercato: è una decisione che la Commissione di bruxelles intende portare avanti sulla spinta dei governi del nord Europa e della germania ma che sta trovando negli europarlamentari italiani di tutti i partiti una fortissima opposizione: l’Italia,soprattutto nel settore dell’industria siderurgica di cui è leader a livello europeo, riceverebbe un danno danno gravissimo ,sia dal punto di vista occupazionale che industriali, dalla possibilità che la Cina possa agire bei territori locali dell’unione senza avere quella reciprocità nei dazi doganali che invece Pecchino continua a mantenere nei confronti dell’industria europea, che riceverebbe,solo dal punto di vista occupazionale, un danno sociale quantificato nella perdita di circa tre milioni di posti di lavoro complessivi.

Il no italiano in sede europea viene spiegato dagli europarlamentari Lorenzo Cesa, Antonio Tajani,Gianni Pittella Andrea Cozzolino e David Borrelli, rappresentanti dell’UDC Area Popolare,di Forza Italia,del PD e del Movimento 5 Stelle,che su questo dossier stanno rappresentando uniti gli interessi dell’intero sistema paese,senza divisioni di parte.

Un reportage di Antonio Silvestri porta quindi nuovamente alla ribalta,nel settimanale europeo della Testata Regionale della Rai, la controversa questione dell’importazione nell’UE dell’olio tunisino per due anni senza il pagamento dei dazi doganali: è un aiuto all’economia del paese nord africano che allarma fortemente i produttori di olio italiano,perché

l’olio extravergine d’oliva italiano vale il 3 per cento del fatturato dell’agroalimentare e cerca di farsi largo sul mercato mondiale dove, secondo una ricerca promossa dall’Associazione di produttori Unaprol, risulta che l’italia è il produttore più noto. Il 72 per cento dei consumatori mondiali sa che il nostro Paese è il più importante produttore ma il 54 per cento è convinto di acquistare olio italiano se in etichetta ci sono scritte o simboli che richiamano l’Italia.

E’ dunque indispensabile una forte opera di promozione ma in un contesto già colpito dalle frodi che riguardano anche il prodotto estero spacciato per italiano rimane molta preoccupazione per la decisione dell’Europa di aiutare l’economia tunisina concedendo l’importazione del suo olio d’oliva a dazio zero. Commentano questa decisione il Presidentre dell’Unaprol Granieri e il Ministro delle Politiche agricole Martina che rileva come l’Italia, pur riconoscendo la serietà dell’obiettivo che si vuole raggiungere verso un Paese attaccato dal terrorismo, farà di tutto per evitare che la decisione di Bruxelles possa danneggiare il sistema agricolo italiano.

Regioneuropa torna quindi a Bruxelles ,nella sede del Prlamento Europeo, visitata ,si invito dell’europarlamentare caterina Chinnici, di un gruppo della Scuola Allievi Ufficiali dei Carabinieri, guidata dal Comandante della Scuola,il Generale Vittorio Tomasone,che in una intervista piega che la conoscenza delle istituzioni europee è un passaggio fondamentale nel percorso formativo degli allievi uffciali.

Un’intervista di Dario Carella porta quindi a conoscere Brando Benifei, europarlamentare del pD, che la rivista Forbes ha incluso tra tra i più importanti gli under 30 dell’UE,fatto affatto casuale per  il prestigioso periodico americano,che di solito si occupa di leader dell’economia e della politica tutt’altro che alle loro prime esperienze.

In coclusione della puntata di RegionEuropa l’appuntamento con “OPPORTUNITÀ EUROPA” : Antonio Silvestri spiega i conenuti dei bandi Cosme per i prodotti di Design, lavoro al Comitato delle Regioni e un Concorso sull’Europa per gli studenti di ogni ordine  e grado