RegionEuropa domenica 3 gennaio 2015

La questione della tutela delle indicazioni geografiche europee è sul tavolo del negoziato del Trattato commerciale transatlantico con gli USA, il cosiddetto TTIP, trattato che si è incagliato proprio sul fattio che non solo gli Stati Uniti ma anche molti paesi del nord Europa capeggiati dalla Germania, sono tutt’altro che convinti della necessità di difendere le norme UE sul Made In. Un esempio per tutti viene da una ricerca condotta dal Consorzio di Tutela del parmigiano reggiano, che  ha dimostrato come, col termine “Parmesan”,  si possa configurare un danno ai consumatori americani che in gran parte credono che sia un formaggio prodotto in Italia e non negli USA.

E’ questo il tema al centro del secondo reportage di Antonio Silvestri per RegionEuropa, il settimanale europeo della tgr che andrà in onda domenica 3 gennaio dalle 11,30 a mezzogiorno su Rai Tre, ed in live streaming sul web ai siti www.rainews.it/TGR e www.regioneuropa.rai.it , reportage in cui uno dei negoziatori del Trattato UE – USA per l’Europa ,l’europarlamentare Paolo De Castro spiega come dopo la firma dell’intesa commerciale fra gli Usa e i paesi dell’area del Pacifico, quella con l’Europa sia diventata una faccenda secondaria per Washington, al punto che che se uno degli undici Paesi firmatari dovesse concludere accordi con l’Europa sulle indicazioni protette, gli altri potranno opporsi,mettendo così all’indici i prodotto europei. L’Italia è il paese più colpito da questa situazione che la Commissione Europea non sa come risolvere e ,per questo, spiega nell’intervista ad Antonio Silvestri, il Presidente del’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari italiane, Giorgio Mercuri, serve anche l’intervento del governo affinchè le ragioni di chi fa produzioni di qualità possano prevalere : le cooperative rappresentano infatti la realtà economica che vede il nostro paese  su sei miliardi di saldo attivo dell’export agroalimentare europeo verso gli Usa,di essere il maggior esportatore, con oltre un terzo del totale.

RegionEuropa,curata dal Vice Direttore dei Tg regionali Rai Dario Carella, propone quindi un servizio sulle priorità indicate dall’Olanda nel proprio semestre di presidenza dell UE iniziato a Capodanno , e una intervista al Capogruppo Socialista al Parlamento  Europeo Gianni Pittella che indica come il Pse sosterrà la battaglia del governo italiano guidato da Matteo Renzi,affinchè l’Europa cambi definitivamente strada,ovvero le proprie priorità politiche,che devono diventare “ sempre di più atti concreti in favore della crescita e della coesione sociale” : da questo punto di vista Pittella rivolge un appello alle regioni italiane affinchè partecipino maggiormente alle opportunità offerte dal Piano Junker.

Il settimanale europeo della Tgr continua quindi ad illustrare con il contributo di Matteo Lazzarini, segretario della camera di Commercio Belgo Italiana, come le regioni ed i territori locali possono ,attraverso l’europrogettazione, utilizzare praticamente i fondi regionali offerti da Bruxelles , ed un esempio in questo senso viene dalla partecipazioni delle province autonome di Trento e Bolzano alla Macroregione Alpina.

Infine RegionEuropa propone un servizio di renato Andreolassi che racconta l’esperienza del Cesvi di Bergamo,una delle maggiori ONG europee e mondiali, e la puntata si concluderà con “UE, IMPRESE E TERRORI” lo spazio realizzato in collaborazione con la rete italiana di Enterprise Europe Network . memorandum per le scadenze dello strumento PMI nel Programma Horizon 2020, offerte e richieste di collaborazione commerciale da imprese estere, e un evento business to business riguardante droni e robotica.