RegionEuropa domenica 16 febbraio 2014

“Informare non influenzare” : è questo lo slogan con cui la Rai condurrà,anche attraverso spot esplicativi sul funzionamento delle Istituzioni europee ,a partire dal Parlamento per il cui rinnovo si voterà nei 28 stati dell’Ue dal 22 al 25 maggio, spot che saranno diffusi sulle reti televisive e radiofoniche e sui siti web del servizio pubblico.
Lo spiega in una intervista a “RegionEuropa”,il settimanale europeo della Tgr in onda domenica 16 febbraio alle 11,30 su Rai Tre, la Presidente della Rai
Anna Maria Tarantola,intervistata a Bruxelles da Dario Carella,: nella capitale dell’UE, la Presidente della Rai ha avuto lunedì e martedì scorso una serie di incontri di lavoro ed ha anche incontrato i capigruppo della deputazione europarlamentare italiana.
“Il servizio pubblico”-ha sottolineato Anna Maria Tarantola- deve fornire informazioni veritiere e corrette senza influenzare il giudizio di chi ascolta o vede i programmi che saranno dedicati alle elezioni europee e ,comunque, l’informazione sull’Europa ,che sarà anche di alfabetizzazione sul ruolo e le funzioni delle diverse istituzioni europee e sul loro impatto nella nostra vita quotidiana, proseguirà anche nel corso del semestrev italiano di presidenza dell’unione Europea che debutterà il primo luglio”.
La Presidente della Rai ,infine,nel corso dell’intervista rilasciata al settimanale europeo della Testata regionale,annuncia che a giugno a Napoli,la Rai ospiterà l’assemblea generale dell’Ebu,l’associazione che riunisce i servizi pubblici radiotelevisivi europei , dove il tema in discussione sarà il ruolo e la missione editoriale del servizio pubblico nel futuro.
Sempre da Bruxelles Dario Carella ospita in studio la Vice Presidente del Parlamento Europeo Roberta Angelilli che invita ad una riflessione seria e serena sui risultati del referendum in Svizzera sull’immigrazione: “ l’Europa, afferma l’esponente del Nuovo Centro Destra Partito Popolare Europeo, deve riflettere molto seriamente su quel risultato, e capire che il contrasto all’immigrazione clandestina o l’accoglienza ai migranti richiedenti asilo non può essere lasciato solo ai paesi del sud di confine,come l’Italia,la Spagna,la Grecia o Malta. Deve essere invece un’azione politica coerente assunta da tutti i paesi dell’Unione,se si vuole battere sul serio l’euroscetticismo”. La vice Presidente dell’Europarlamento fa quindi il punto,insieme al Ministro della Difesa Mario Mauro intervistato per “Regioneuropa” da Attilio Romita,sulla situazione diplomatica che riguarda i due marò italiani prigionieri in India.
Antonio Silvestri, nell’appuntamento quindi cale con “Opportunità Europa”, realizzata in collaborazione con il centro Europe direct dell’Emilia Romagna, presenta i bandi del sottoprogramma “Cultura” di “Europa creativa”, riguardanti i settori culturali e creativi, la promozione di talenti e di reti tra Paesi UE, in scadenza nel mese di marzo prossimo,ed anche il  “Video contest” intitolato “We are Europe, Everyday” con documentari o fiction che rispondano a cosa significa essere europei.
Ancora Antonio Silvestri,quindi,con un reportage sulle imprese cooperative che in Italia ed in Europa sono cresciute negli ultimi anni con percentuali superiori ad altri tipi di aziende: lo afferma il Rapporto Euricse presentato dall’Alleanza delle Cooperative italiane, che unisce le maggiori centrali cooperative.
Nel complesso la produzione nel 2011 è aumentata dell’8,2% e gli investimenti del 10,6%: anche l’occupazione tiene in gran parte dei settori mentre calano invece gli utili, in misura maggiore rispetto alle SPA, come spiega il Presidente di Euricse Carlo Borzaga, che ha sottolineato come in Europa le coop abbiano svolto un’attività di sostegno all’economia, dal settore del credito a quello dei servizi.
Il Presidente di Alleanza Cooperative, Giuliano Poletti, ha rilevato che la funzione anticiclica è giustificata dalla natura stessa della cooperazione, mentre il Presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini, ha chiesto che nel semestre di presidenza italiana dell’UE siano avanzate proposte per valorizzare il ruolo delle cooperative in tutti i settori economici.
Domenico Canciani e Maria Antonietta Vito, autori del volume “Una costituente per l’Europa”, che rievoca la figura e l’azione politica di Simone Weil, discutono della grande eurpeista francese insieme a Giovanni Cominelli,Roberta De Monticelli e Marco Garzonio, mentre gli “Angoli d’Europa” di Anna Di Benedetto ci portano questa settimana  a svelare l’arte di  Giacometti, scultore del novecento che approda alla  Galleria Borghese di  Roma: i suoi disegni e le sue opere si confrontano con il genio del  Bernini o del  Canova,   in un dialogo però  impossibile , dividendo critica e pubblico.
“RegionEuropa” è in diretta live streaming sul web ai siti www.regioneuropa.rai.it a cura di Claudio Lanza, www.tgr.rai.it a cura di Mario Fatello