RegionEuropa domenica 16 giugno 2013

Nel corso di questi anni gli crisi gli italiani,al pari degli altri consumatori europei,hanno radicalmente modificato anche le proprie abitudini alimentari, ricorrendo sempre più spesso all’acquisto di cibi cosiddetti “low cost”,ossia a basso prezzo: si tratta ,tuttavia,in molti casi, di alimenti non certificati dai marchi di qualità dell’Unione Europea,che possono anche avere conseguenze dannose sulla salute,come ad esempio inserendo negli ingredienti per i biscotti olio di palma al posto dell’olio d’oliva,oppure di fagioli secchi provenienti dalla Cina o l’uso di cagliate industriali al posto del latte nella produzione della mozzarella.
E’ il tema di apertura della puntata di domenica 16 giugno di “RegionEuropa”,il settimanale europeo della Tgr a cura di Dario Carella,che racconta dell’assemblea di tutte le maggiori organizzazioni di produttori agricoli dei 27 paesi dell’UE, chiamati a Bruxelles dalla Coldiretti che ha presentato un dossier che spiega come difendersi dai rischi dei cibi “low cost”, e che chiede,come spiega nel servizio il presidente di Coldiretti Sergio Marini alla Commissione Europea maggiore sorveglianza sulla qualità dei cibi e che il tema dei controlli alimentari sia messo fra le priorità della futura politica agricola dell’Unione.
Un reportage di Antonio Silvestri affronta quindi i temi legati  alla montagna e alle cosiddette zone rurali svantaggiate , territori per i quali sono previsti e ancora da spendere netro l’anno sostanziosi fondi europei.
Nelle zone svantaggiate vive il 17% della popolazione europea: sono territori soggetti a spopolamento  e all’invecchiamento della popolazione.ed il fondo europeo appositamente costituito è quello per lo sviluppo rurale, che prevede programmi finanziati da Bruxelles per frenare questi fenomeni e far recuperare alla montagna un ruolo centrale.
La Rete rurale nazionale ha organizzato un incontro per esaminare come l’Unione Europea conta di agire nella prossima programmazione che prenderà il via dal 2014: è  emerso che per la prima volta sarà possibile una maggiorazione dei finanziamenti per chi vive in zone svantaggiate come quelle montane, e particolare attenzione sarà messa in un sottoprogramma tematico “Montagna” di nuova istituzione. Molto importante anche la visione delle aree interne come risorsa in cui si dovrà agire non solo sui temi strettamente rurali, ma anche su scuola, sanità e trasporti. E’ però necessario, è stato detto, che si accompagnino i territori in una progettazione di qualità che non rischi di perdere le nuove opportunità offerte da Bruxelles.
Il Vice Presidente Vicario del Parlamento Europeo ,intervistato da Dario Carella di ritorno da una visita ufficiale negli Usa,spiega come l’amministrazione americana abbia rilanciato la crescita economica con misure di intervento pubblico di tipo keynesiano rivolto alla costruzione di grandi infrastrutture per l’ammodernamento del paese e di come ciò abbia prodotto una diminuzione della disoccupazione ed invita i capi di stato e di governo dell’UE che si riuniranno a Bruxelles a fine mese ad intraprendere questa strada,abbandonando la politica del rigore quale unica ricetta adottata dall’inizio della crisi e ancora dalla capitale dell’Unione Europea il presidente della regione Toscana Enrico Rossi illustra il progetto di cui è capofila con altre regioni dell’UE per l’occupazione giovanile, mentre il presidente della ONG “YOU NET” Francesco tarantino racconta la propria esperienza di rete europea on line finalizzata alla cooperazione fra la regione Emilia Romagna e altri territori europei per l’implementazione dei progetti legati a diversi programmi fra cui l’Erasmus.
E ancora a “RegionEuropa”: Antonio Silvestri fa un primo bilancio delle iniziative in corso per l’Anno Europeo della Cittadinanza e dei diritti del cittadino europeo, con l’incontro promosso dal  Ministero degli Esteri e al quale hanno partecipato tra gli altri il Presidente della Commissione Affari Costituzionali del PE, Carlo Casini, la Vice Presidente del Parlamento UE Roberta Angelilli e l’europarlamentare Roberto Gualtieri. La piena realizzazione della cittadinanza passa anche per l’eliminazione di costi troppo alti dovuti alla corruzione e all’evasione fiscale, ha detto la Vice Presidente Angelilli, che ha  ricordato come i cittadini vogliano anche semplificazione burocratica per far valere i propri diritti. Angelilli ha poi sottolineato le direttive approvate a favore dei cittadini più vulnerabili fino all’ordine di protezione europeo. Per Roberto Gualtieri, membro della Commissione Affari costituzionali, è molto importante che alle prossime elezioni i cittadini sappiano chi è il candidato di ogni Partito alla guida della nuova Commissione Europea che sarà eletta nel luglio del 2014,dopo le elezioni per il rinnovo dell’Europarlamento.
Le opinioni di Gianfranco Astori direttore dell’Agenzia Asca e di Ugo Finetti direttore di “Critica Sociale Colloqui Italo Britannici”,insieme ad un’intervista al segretario generale della Cgil Susanna Camuso che ha incontrato a Bruxelles il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schultz sulla politiche sociali e per il lavoro e gli “Angoli d’Europa” di Anna Di Benedetto concluderanno la puntata di “RegionEuropa”, diffusa anche in live streaming Al sito www.regioneuropa.rai.it a cura di Claudio Lanza .