RegionEuropa domenica 3 marzo 2013

L’81 per cento dei residenti nei Paesi europei é consapevole di essere cittadino dell’Unione ma solo il 36 per cento conosce i diritti che derivano da questa condizione. Lo afferma un’indagine Eurobarometro dalla quale emerge quanto l’anno dei cittadini sia importante per rendere coscienti gli europei delle loro Istituzioni. Ma cosa chiedono gli italiani all’Europa? Rispondono a RegionEuropa ,il settimanale europeo della Tgr curata da Dario Carella,ed in onda su Rai Tre domenica 3 marzo alle 11,30, Lucio Battistotti, Direttore della Rappresentanza UE in Italia e Angelo Frascarelli, Direttore di Europe Direct Umbria, uno dei 48 sportelli ‘informazione dell’Unione europea in Italia. Tra le richieste, dice Battistotti,intervistato da Antonio Silvestri, la ricerca di opportunità di lavoro, per il quale l’Europa ha varato il programma Eures mentre il dialogo con i cittadini continua con iniziative a livello territoriale.
Da Bruxelles in studio con Dario Carella,l’eurodeputato del Pd ,gruppo dePse,Salvatore Caronna spiega quali saranno i riflessi nei paesi europei che l’hanno approvata,fra cui l’Italia e la Francia attraverso lo strumento della Cooperazione Rafforzata,della “Tobin Tax” ovvero della tassa sulle transazioni finanziarie nell’Ue, i cui proventi,afferma Caronna, dovranno essere messi a disposizione per politiche di crescita e anti recessive,rivolte soprattutto alla lotta alla disoccupazione e al lavoro.
Il Vice Presidente della Commissione Europea Antonio Tajani illustra quindi le nuove misure varate da Bruxelles a tutela del made in,insieme alla Presidente e alla Vice Presidente della Commissione Ricerca Scientifca dell’Europarlamento Amalia Sartori del PdL e Patrizia Toia del Partito Democratico: nel servizio le opinioni delle associazioni imprenditoriali,Giorgio Merletti Presidente di ConArtigianato e Michele Tronconi Presidente di Sistema Moda Italia.
Antonio Silvestri,in un reportage,illustra quindi le ragioni per cui nel nostro paese scarseggia una cultura della prevenzione del dissesto idrogeologico, cultura presente invece in molti Paesi europei. Nonostante i cambiamenti climatici debbano indurre a investire nei lavori di manutenzione del territorio,l’italia vive ancora in una cultura dell’emergenza:lo denunciano i Consorzi di bonifica che ricordano come 6 milioni di italiani abitino in zone ad alto rischio e seimila scuole e 500 ospedali siano in aree in dissesto. Per il Presidente dell’ANBI, Massimo Gargano, é tra l’altro indispensabile porre maggiore attenzione alla direttiva UE relativa alla prevenzione e gestione del rischio alluvioni.
RegionEuropa è andata poi a Napoli,città in cui è stato varato il primo corso per ragionieri esperti in rendicontazione di progetti europei:si tratta della prima esperienza del genere fatta in Italia,e non a caso,spiega Matteo Lazzarini ,segretario generale della camera di Commercio Belgo Italiana, Bruxelles ha scelto il capoluogo del mazzogiorno italiano oper avviare questa prima sperimentazione.
Ancora la Bruxelles,con Dario Carella,la Vice Presidente del Parlamento Europeo Roberta Angelli,eurogruppo PdL e Popolari Europei,fa il punto sulla direttiva europea riguardante le quote di genere di prossima attuazione nei 27 stati mebri dell’Ue.
Concluderà la puntata di domenica 3 marzo di RegionEuropa,in live streaming e on line,a cura di Claudio Lanza al sito www.regioneuropa.rai.it . gli Angoli d’Europa di Anna di Benedetto,che questa settimana da Napoli,in occasione della prima giornata dei Musei Ecclesiastici ,intervista all’interno della chiesa barocca di Donnaregina intervista Don Antonio Russo,Vicario episcopale della Diocesi del capoluogo campano.