RegionEuropa domenica 25 novembre 2012

L’approvazione da parte del Parlamento Europeo della nuova Pac,la politica agricola europea che dovrà entrare in vigore nel 2014 ,slitterà al prossimo anno: l’annuncio a “RegionEuropa” ,il settimanale della Tgr curato da Dario Carella ed in onda domenica 25 novembre alle ore 11,30 su Rai Tre è del Presidente della commissione agricoltura del PE Paolo De Castro e del componente della Commissione stessa Sergio Silvestris.
I due europarlamentari sottolineano che l’italia,come la Francia egli altri paesi dell’area mediterranea, non intendono accettare i tagli previsti ai finanziamenti per le produzioni agroalimentari dei territori locali a favore di una distribuzione degli stessi identica per tutti i 27 paesi dell’Ue. Si tratta di taglialineari,osservano i due europarlamentari,che non possono in alcun modo essere accettati dall’Italia che vedrebbe penalizzate le proprie produzioni di eccellenza che pongono il nostro paese al vertice dei prodotti tutelati dai marchi europei,così come minori finanziamenti allo sviluppo delle imprese agricole.

Il Ministro Mario Catania,intervistato da Antonio Silvestri, insieme alla Commissaria europea alla pesca Damanaki , sottolinea anche la necessità di garantire identiche condizioni ai pescatori dei Paesi UE del Mediterraneo nei confronti di quelli dei Paesi extraeuropei e del Nord Africa. Catania e la commissaria damanaki hanno concordato di sviluppare politiche comuni con i Paesi del Canale di Sicilia per armonizzare le relazioni tra le flotte che operano in questo spazio marittimo. La Commissaria europea si è congratulata con l’Italia per l’attività di controllo svolta che rappresenta a parere di Bruxelles, un ottimo esempio per le altre marinerie, in funzione di mettere fine all’uso di reti da posta.
Ancora Antonio Silvestri mostra ,in un reportage, i distretti del local italiano di qualità: quello tessile , dell’abbigliamento e della calzatura insieme a quelli dell’oreficeria e della Nautica. Produzioni di alta qualità che si scontrano con la crisi ma reagiscono anche cercando strategie comuni con le Camere di Commercio. Oltre 340mila imprese che su territori come il fermano, Prato, Arezzo, Biella o Genova o Arezzo, rappresentano un’importante fattore di crescita e che hanno bisogno di essere tutelati dall’Unione europea al pari di altri distretti territoriali di altri Paesi. Il distretto ormai non si ferma alla specifica produzione manifatturiera ma integra anche le imprese dell’indotto o offre anche servizi legati alle proprie produzioni. Interviste al Presidente di Federdistretti, Valter Taranzano che sottolinea come sia l’export l’unica vera opportunità di crescita e al Presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello che rileva l’importanza dell’integrazione tra aziende dei distretti e reti di imprese.

“RegionEuropa” propone quindi da Charleroi,capoluogo della vallonia belga,le immagini del nuovo consolato italiano,che sarà anche il primo consolato italiano nel mondo in cui le pratiche potranno essere svolte in digitale,secondo quando previsto dall’agenda digitale italiana ed europea, con le opinioni dell’Ambasciatore in Belgio Roberto Bettarini,del sottosegretrio agli esteri De mistura e del Presidente di Confindustria Squinzi.
Il vice Presidente Vicario del Parlamento europeo Gianni Pittella spiega infine perché non saranno accettati i tagli del bilancio Ue alle politiche regionali e di coesione e all’erasmus,mentre l’europarlamentare Paolo Bartolozzi illustra l’attività della Commissione per i rapporti con i paesi dell’Asia ex sovietica e deiloro rapporti con i territori italiani nel campo energtico; Pino Arlacchi europarlmentare della Calabria illustra una mostra sulla Magna Grecia nella sua regione che ha portato nella sede del PE a Bruxelles pezzi archeologici unici mai usciti dai musei italiani.
Concluderanno la puntata di “RegionEuropa”  gli “Angoli” curati da Anna Di Benedetto che questa settimana propone un’intervista al Generale Virgilio Pomponi  ,  Comandante Nucleo Polizia Tributaria della Guardia di Finanza   che illustra come le forze dell’ordine siano impegnate anche con nuclei  specializzati nell’attività di prevenzione e repressione dei reati  contro il patrimonio culturale  del nostro Paese.,una attività svolta in sintonia con le diverse forze di polizia europee.  Nel solo biennio 2010 2011 la Guardia di Finanza ha recuperato oltre 321 mila  manufatti di interesse archeologico provenienti da scavi clandestini e 86 dipinti  sottratti illegalmente al patrimonio artistico italiano.

“RegionEuropa” è inlive streaming al sito www.regioneuropa.rai.it a cura di Claudio Lanza per la realizzazione di Rai Net.