Sommario RegionEuropa domenica 19 dicembre 2010

di queste politiche, ovvero la cooperazione territoriale, che, pur rappresentando soltanto una piccola parte delle iniziative di coesione, è di particolare rilevanza per lo sviluppo delle macroregioni che in futuro l’UE incentiverà.
Se ne parla con un reportage di Antonio Silvestri nella puntata di domenica 19 dicembre di “RegionEuropa”,il settimanale europeo della Tgr,a cura del vice direttore dei tg regionali della Rai Dario Carella, in onda domenica 19 dicembre alle 11,45 su Rai Tre,nel quale verrà fatto il punto sulle iniziative che riguardano l’Italia,quali  la macroregione adriatico ionica, e il programma Mediterraneo,mentre in un seminario organizzato dall’area cooperazione e marketing territoriale della Regione Lazio sono  sono stati presentati i possibili sviluppi di iniziative di lavoro e crescita comune tra territori di differenti Paesi, come già avviene per i Paesi baltici e per la vasta area del Danubio, anche alla luce di una futura diminuzione dei fondi a disposizione.
Di cooperazione alla sviluppo riferisce anche Dario Carella da Bruxelles con la cronaca dei “Dev Days” organizzati dalla Commissione Europea insieme alle Ong: la novità nella cooperazione europea è che si passa da progetti esclusivamente non profit a progetti che possano produrre reddito nei territori in cui vengono sviluppati. A “RegionEuropa” ne parlano Cinzia Giudici ed Emanuele Pinardi di Link 2007 ONG, Roberto Ridolfi capo unità alla Commissione Europea , Giorgio Bertinelli,vice presidente della Lega Coop e Elisabetta Belloni,diretrtore generale della Coperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri.
In “Angoli d’Europa” Anna Di Benedetto  racconta la storia di uno straordinario manufatto risalente al sesto secolo A.C. in mostra al Quirinale, “Il Magnifico Cratere “ , che arriva dal museo nazionale di Belgrado ed è stato sottoposto ad un attento restauro dalla soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma che ne ha restituito l’originaria bellezza. Alle operazioni   di recupero e studio hanno partecipato  il CNR  di Roma e di Pisa, l’università “La Sapienza”, l’istituto Superiore Conservazione e Restauro del ministero per i Beni e le attività culturali  con la collaborazione dello staff scientifico serbo. Sono proprio le ottime relazioni in ambito culturale tra l’Italia e la Serbia ad aver  permesso  un lavoro di squadra eccezionale  teso alla conoscenza del superbo  manufatto . Il vaso in bronzo scoperto a Trebeniste   nel 1931 da una spedizione archeologica juogoslava   permette  oggi di aggiungere un tassello importante alla conoscenza di questa parte d’Europa un tempo tra i Balcani e l’ Ellade.
Infine Pino Nano intervista Marco Ferrigno,un artigiano napoletano che ha vinto la mostra europea sui presepi.
“RegionEuropa” è on linea ,a cura di Claudio Lanza,al sito della Rai,www.regioneuropa.rai.it, con la realizzazione di Rai Net.