Sommario RegionEuropa domenica 14 marzo 2010

 Dopo la decisione della Commissione europea di autorizzare la coltivazione della patata transgenica Amflora e di tre tipi di mais, il mondo agricolo italiano si interroga sulle possibili conseguenze, e si divide tra chi vede nuove opportunità di sviluppo e chi denuncia i rischi per la salute, negando anche che aiuti ad accrescere le produzioni. “RegionEuropa” il settimanale della Tgr a cura di Dario Carella,nella puntata di domenica 14 marzo alle 11,45 su Rai Tre,mette  a confronto,in un reportage di Antonio Silvestri, le ragioni del si e del no, sostenute da due rappresentanti di organizzazioni professionali, il Presidente della Coldiretti Marini, nettamente contrario, e il direttore generale di Confagricoltura, organizzazione che sottolinea la contraddizione tra il divieto alla coltivazione di OGM e il permesso di commercilizzare prodotti genneticamente modificati.
Nel secondo reportage “RegionEuropa” affronta il tema della fuga all’estero dei cervelli italiani,raccontando la storia di un docente del Mit di Boston che ha scelto di tornare in patria,a Milano,per dirigere il  Centro Europeo di Nanomedicina ,costituito su iniziativa di 10 prestigiosi centri di ricerca pubblici e privati, con il patrocinio e il sostegno finanziario della Regione Lombardia, con l’obiettivo di sviluppare soluzioni innovative per la prevenzione, la diagnosi e la cura di patologie tumorali, cardiovascolari e neurologiche.
Lo scienziato è il professor Francesco Stellacci,che si è posto l’ambizioso obiettivo di realizzare prodotti di ricerca traslazionale che possano essere rapidamente applicati in campo diagnostico e terapeutico. Il gruppo coordinato dal professor Stellacci cercherà anche di creare brevetti e un ricco pacchetto di proprietà intellettuale.A convincere Stellacci a rientrare in patria dagli Usa è stato Carlo Borsani,Presidente dell’ Istituto Neurologico ‘Carlo Besta’ di Milano,che ha spiegatoa “RegionEuropa” come la nascita del Centro Europeo di Nanomedicina sia stato reso possibile anche dal contributo dei cittadini che hanno scelto di donare all’Istituto Besta il loro cinque per mille.
Anna Di Benedetto con gli “Angoli d’Europa” è andata ,infine,al Vittoriano,dove è in corso fino al prossimo 29 giugno la mostra dal titolo : “Da Corot a Monet La sinfonia della Natura” un percorso storico e artistico  con 170  capolavori proveninenti dai più prestigiosi musei europei: nel servizio anche alcune curiosità poco note degli artisti come la passione  di Claude Monet per il giardinaggio che lo portò a realizzare uno stagno nella sua proprietà per poter coltivare delle Ninfee che poi divennero  uno dei soggetti prediletti dal Maestro o il racconto su tela fatto da Alfred Sisley dell’alluvione del 1872 dovuta allo straripamento della Senna.
Conclude la puntata del settimanale europeo della Tgr il notiziario “Qui Bruxelles Qui Strasburgo”.
“RegionEuropa” è anche on line al sito della rai www.regioneuropa.rai.it,per la cura di Claudio Lanza e la realizzazione di Rai Net.