REGIONEUROPA DI DOMENICA 24 MAGGIO 2020

vai al link della puntata

REGIONEUROPA DI DOMENICA 24 MAGGIO 2020

Una storia milanese di solidarietà, impegno ed ingegno durante la fase più acuta della pandemia Coronavirus che è diventata virale sul web ed ha suscitato l’interesse dei media in Italia ned in Europa, è quella che si racconta a regionEuropa, il settimanale europeo della tgr a cura di Dario Carella, in onda domenica 24 maggio su rai 3 dalle 11,30 a mezzogiorno ed in live streming sul web cliccando Rai Play.

E’ la storia di Matteo Canciani e Luca ravezzani, due giovanissimi designer milanesi, partite Iva rimasti senza lavoro nel corso della pandemia, che hanno deciso di produrre mascherine di protezione a norma CE ed in regola come dispositivo sanitario con le prescrizioni del Ministero della Sanità, e che per ogni mascherina venduta on line ne hanno regalato una alla Fondazione di Don gino Rigoldi, lo storico cappellano del carcere minorile di Milano “Cesare Beccaria” e fondatore di “Comunità Nova” : i due giovani, che hanno venduto in pochissimo tempo oltre 500 mascherine, ne hanno regalate altrettante a Don Rigoldi,e la vendita sociale continua, con la fomula “una mascherina comperata, una mascherina donata”.

Antonio Silvestri spiega quindi in un servizio la presentazione da parte della Commissione Europea della strategia  “Farm to fork” volta a rendere il sistema agricolo europeo più sano e sostenibile. Tra gli obiettivi da realizzare la riduzione dell’uso dei pesticidi e l’aumento delle coltivazioni biologiche. Nella proposta è prevista anche un’etichettatura obbligatoria e armonizzata riguardo agli aspetti nutritivi. Proprio su quest’ultima nel servizio intervengono il Presidente di Coldiretti, Prandini e il Consigliere delegato di Filiera Italia, Scordamaglia, che rilevano come l’etichettatura obbligatoria con l’origine sia un passo avanti, mentre il giudizio è  invece negativo su semplificazioni inaccettabili tipo il nutriscore per le etichette nutrizionali.

Sempre da Bruxelles Michele Cercone, portavoce del Presidente del Comitato delle Regioni europee, spiega in una intervista come il Comitato sta lavorando a distanza per inserire le priorità dei territori locali nei piani europei per combattere la crisi economica e sociale determinata dalla pandemia, inserite nel piano di 2Recovery” che la Commissione presenterà mercoledì prossimo, basato su un progetto formulato da Macron e Angela Merkel.

Ancora una storia sociale del lockdown appena concluso nel settimanale europeo della Tgr: nonostante l’emergenza sanitaria, le candidature per l’Erasmus dell’istruzione e formazione professionale sono aumentate rispetto allo scorso anno. Lo comunica l’Inapp, l’Istituto per l’analisi delle politiche pubbliche, che funge da Agenzia Erasmus. Il suo presidente, Sebastiano Fadda, rileva come questi dati evidenzino la voglia di guardare avanti e progettare il futuro.

In conclusione di RegionEuropa la rubrica UE IMPRESE E TERRITORI: Nello spazio in collaborazione con la Rete Enterprise Europe Network due opportunità di business to business a distanza nei settori della ricerca industriale, dell’ingegneria e ambiente e dei webinar sulla ripresa post pandemia.

 

REGIONEUROPA DI DOEMNICA 17 MAGGIO 2020

vai al link della puntata

REGIONEUROPA DI DOMENICA 17 MAGGIO 2020

Focus sul Mes lighit anticovid a RegionEuropa, il settimanale della Tgr a cura di Dario Carella, in onda domenica 17 maggio su Rai 3 ed in streaming su Rai Play dalle 11,30 a mezzogiorno, dopo l’accordo trovato nell’Eurogruppo del 8 maggio e mentre si attende la proposta della Commissione sul Recovery Fund, si delineano più chiaramente le caratteristiche del prestito del Meccanismo Europeo di Stabilità. Una linea di credito dedicata alle spese sanitarie della pandemia che può arrivare fino a 240 miliardi totali con un tasso di poco superiore allo zero. Ne ha parlato in un’intervista alle principali Agenzie di stampa europee il direttore generale del MES, Regling, che ipotizza come il fondo sarà utilizzato per circa un terzo con condizioni per l’Italia molto vantaggiose rispetto al ricorso ad altre linee di credito. “L’Italia – commenta a RegionEuropa l’editorialista del Sole 24 Ore Adriana Cerretelli in collegamento da Bruxelles- sbaglierebbe a non accettare i finanziamenti previsti poiché si tratta di una linea di credito che non ha nulla a che fare con quella prevista per gli aiuti per un paese in default come accadde per la Grecia quando venne inviata la Troika”.

La pandemia del Coronavirus, del resto, costringe a rivedere molte politiche europee: fra queste la Pac, la politica agricola comune: Antonio Silvestri lo spiega che per il settore agroalimentare, che ha garantito il cibo ai cittadini, abbia ora la necessità di ripensare la tutela dei consumatori, la sostenibilità ambientale e le pratiche innovative. Lo afferma a RegionEuropa la dirigente del Crea, Il Consiglio per la ricerca in agricoltura, Alessandra Pesce che evidenzia anche come sia il momento di investire nella traduzione in pratica della strategia europea “From farm to fork”. E per la riapertura in sicurezza delle attività da lunedì 18 maggio occorre sia garantita innanzitutto la sicurezza dei lavoratori sui posti di lavoro: Concooperative ha varato un Piano per far lavorare in sicurezza i suoi dipendenti e quelli delle coop aderenti, in tutto 530mila persone. Un caso che viene illustrato a RegionEuropa perché è stato studiato con la consulenza di un comitato tecnico scientifico e si basa principalmente su una app che, una volta verificati alcuni parametri, dà via libera al lavoratore per entrare nei siti produttivi. Il Presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini rileva come la strategia adottata è anche un segno di attenzione per la salute collettiva.

A conclusione della puntata di RegionEuropa la seconda parte dell’intervista di Dario Carella al Profesor Silvio Garattini presidente dell’istituto Mario Negri di Milano sulle ricerche in corso per il vaccino anti Covid 19 e quindi la rubrica OPPORTUNITÀ EUROPA : nello spazio in collaborazione con Europe Direct Umbria il bando per la promozione dei prodotti agricoli e un’offerta di lavoro all’Agenzia per l’Ambiente,