regioneuropa di domenica 21 luglio 2019

vai al link della puntata

regioneuropa di domenica 21 luglio 2019

Ultimo appuntamento della stagione prima della pqausa estiva, domenica 21 luglio su Rai 3 dalle 11,30 a mezzogiorno ed in live streaming sul web cliccando Rai Play, per RegionEuropa, il settimanale europeo della Tgr che tornerà in onda domenica 6 ottobre, stessa rete e stesso orario, e sempre a cura di Dario Carella.

In sommario domenica 21 un ampio servizio da starsburgo sul via libera del Parlamento Europeo alla nomina di Ursula von der Leynen alla presidenza della Commissione di Bruxelles, nomina ottenuta solo grazie ai voti determinanti dei 14 eurodeputati grillini e all’impegno di quelli del PD nel gruppo socialista, dove diverse delegazioni nazionali hanno espresso il proprio voto contrario alla candidata indicata direttamente dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e, non a caso, ex ministro della difesa tedesco.

Nel servizio di Dario Carella dall’Eurocamera le opinioni della grillina Tiziana Beghin, del capo delegazione del PD Gualtieri, e le ragioni del no della Lega con l’europarlamentare Angela Ciocca e di Fratelli d’Italia con l’europarlamentare Carlo Fidanza.

Il settimana europeo della testata regionale apre quindi una ampia pagina glocal, a cominciare dal servizio di Antonio Silvestri sul giudizio percettivo dei cittadini europei sulle città in cui vivono: una inchiesta di Alleanza Confcooperative, secondo la quale Roma, Napoli e Palermo sono agli ultimi posti di una classifica europea stilata sulla percezione che i cittadini hanno riguardo ad una serie di servizi sui quali si basa la qualità della vita. Lo comunica uno studio promosso da Confcooperative Habitat che ha preso in esame anche gli effetti sulla crisi dell’abitare. Secondo il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini, intervistato da RegionEuropa, c’è un disagio economico e amministrativo nelle città con meno qualità che ha come conseguenza anche quella di giovani che fanno fatica a trovare lavoro e sono costretti a vivere ancora in famiglia.

Ancora Antonio Silvestri per una disamina della dela direttiva quadro Acque dell’Unione Europea, direttiva che ha bisogno di modifiche. Lo evidenzia l’ANBI, l’associazione dei Consorzi di bonifica, che nel corso della sua Assemblea annuale, ha chiesto che l’irrigazione a beneficio del settore agroalimentare venga giudicata strategica soprattutto per i Paesi mediterranei. Il presidente di Anbi, Francesco Vincenzi, ha chiesto che la nuova politica agricola comune tenga in maggiore conto i territori più esposti ai cambiamenti climatici e quelli dove si fanno produzioni di qualità.

Da Genova Mariangela Bisanti racconta la pulizia del mare e dei porti delle associazioni che fanno parte del progetto europeo “Stelle Blu del Mediterraneo”, mentre Dario Carella racconta tre storia del nostro Made In di eccellenza nei settori del calzaturiero,del tesile di alta moda e dei progetti per asiende e start up che mettono al primo posto la fiducia dei consumatori.

Concluderà la puntata di RegionEuropa l’appuntamento con la rubrice “UE IMPRESE E TERRITORI”: nello spazio con le segnalazioni della Rete italiana di Enterprise Europe Network due appuntamenti per il mese di ottobre: la Space week a Roma e Meet in Italy for life sciences a Trieste.

 

regioneuropa di domenica 7 luglio 2019

L’elezione di David Sassoli, europarlamentare del PD Gruppo dei Socialisti e Democratici, alla presidenza del Parlamento Europeo è al centro dei servizi che propone da Strasburgo,dove questa settimana  si è aperta la nona legislatura dell’UE, “RegionEuropa”, il settimanale della Tgr a cura di Dario Carella, in onda su Rai 3 dalle 11,30 a mezzogiorno ed in live streaming sul web cliccando Rai Play.

Sassoli succede sullo scranno più alto dell’Europparlamento ad un altro italiano, Antonio Tajani, e la sua elezione, è stato sottolineato dagli osservatori internazionali, è un successo per l’Italia ma anche una secca sconfitta per il governo. Presidente del parlamento Europeo è un esponenente del principale partito di opposizione e del centro sinistra, mentre il partito vincitore delle elezioni del 26 maggio, la Lega, non ha ottenuto alcuna posizione di vertice nell’assemblea.

Il presidente Sassoli ha ricordato che occorre tornare allo spirito dei padri fondatori dell’europa, solidarietà e unione contro nazionalismi e particolarismi, ha insistito sulla assoluta necessità che il Consiglio dei capi di stato e di governo approvi la riforma già votata dal Parlamento del Trattato di Dublino sull’accoglienza dei migranti e la politica migratoria, ed ha auspicato la comnvocazione di una conferenza interistutuzionale sui meccanismi di partecipazione democratica delle varie istituzioni europee.

Il settimanale europeo della Testata regionale propone quindi un reportage di Antonio Silvestri lungo le strade dell’agroalimentare bioligico italiano,che è una eccellenza europea, anzi il nostro è il Paese col maggior numero di agricoltori con metodo biologico e biodinamico in Europa ma la crescita del sistema va seguita, dice il Presidente della Cia, la Confederazione italiana Agricoltori, Dino Scanavino, che rileva come, nonostante l’approvazione del regolamento europeo, ci sIano rischi che l’industria cavalchi il boom senza un ritorno per i veri agricoltori. L’Anabio, l’Organizzazione della Cia che si occupa del biologico, ha approvato una Carta dei Valori per aziende agroecologiche che guardino anche ai consumatori affinché le produzioni bio siano accessibili a tutti, innovative e di qualità.

Ancora di agroalimentare da esportazione in Europa si parla nel servizio sulla produzione dell’aceto balsamico di Modena, prodotto che viene esportato per il 92%b della sua produzione; ancora glocal quindi in due servizi, il primo su una start up del mondo editoriale, la casa editrice milanese Book A Book, mentre il presidente della regione Toscana Rossi insieme all’esponenete del comitato delle Regioni europee Pierluigi Boda,spieganoi perché i territori hanno bisogno di misure per la crescita e non di politiche di austerità.

In conclusione di RegionEuropa,l’appuntamento con la rubrica OPPORTUNITÀ EUROPA,loo spazio è dedicato ad un esame della PAC, la politica agricola comune, vista da chi, quotidianamente, è chiamato a rispondere alle esigenze di cittadini e aziende interessate ai benefici di questo strumento. Antonio Silvestri intervista il prof. Angelo Frascarelli, Direttore di Europe Direct Umbria, uno dei massimi esperti italiani della materia.

 

regioneuropa di domenica 7 luglio 2019

vai al link della puntata